cosa posso fare per te, cultura e società, la mia opinione

Ristabilire l’alleanza tra donne

Conobbi il mio migliore amico in prima elementare e da allora ho sempre preferito la compagnia dei ragazzi a quella delle mie coetanee. Sin dai primissimi anni di età avevo l’errata convinzione che le ragazzine fossero prevalentemente delle “oche” e che pensavano solo a farsi belle per i ragazzi (anziché essere in grado di gestire una conversazione intelligente con loro). Caso vuole che per una serie di eventi studiai presso un liceo psicopedagogico frequentato esclusivamente da ragazze. Pettegolezzi, sotterfugi, maldicenze ed antipatie erano all’ordine del giorno; non eravamo in grado di essere davvero unite tra noi. Forse ho sentito quest’unione solo in occasione dell’esame di Stato, ma credo che fosse più la paura che l’affetto.

Oggi posso dire che quell’esperienza fu solo la prima di tante in cui ho visto il peggio delle donne. Ricordo infelici episodi tra le donne dei vari movimenti di “spiritualità femminile” da cui mi sono dissociata o in contesti di “empowerment al femminile” in cui ho avuto la sfortuna d’incontrare donne tutt’altro che amichevoli.

Tristemente posso dire che, dopo tutti questi anni, di “sorellanza” (parola ormai prosciugata di significato da donne che si venderebbero persino la madre per soldi) ne ho vista fin troppa. Lo so, non si può pretendere che le nostre generazioni sappiano cosa significhi davvero essere unite, se quelle prima di noi non lo sono state. Non basta una causa politica, o il sogno di un’emancipazione economica, per fare di un gruppo di donne delle “sorelle”. Non basta neanche tra madri perché se nostro/a figlio/a risulta “diverso/a”, subito ci ritroviamo isolate.

0

Sono stufa di chi impropriamente usa parole come “sorelle” o “sorellanza” in vuoti slogan femministi o di altro tipo. Sono stufa delle donne che scimmiottano gli uomini pensando che sia questo il modo giusto di agire, senza rendersi conto che esistono altri modi per gestire politica ed economia. Sono stufa delle donne in carriera che sminuiscono la maternità e di “madri di plastica” che non hanno più una personalità. Sono stufa di vedere che le possibilità per vivere serenamente tra noi sono alla portata di tutte e che quasi nessuna le coglie.

Smettiamola di idolatrare la “sorellanza” ed iniziamo ad apprezzare ogni donna con cui abbiamo a che fare, a prescindere dall’utilità che ne possiamo trarre. Non è difficile, basta smettere di giudicare. Ciò che manca alle donne per essere davvero unite è l’empatia: una persona empatica è in grado di porsi immediatamente nello stato d’animo di un’altra, con nessuna o scarsa partecipazione emotiva. Una persona emotiva, invece, sovrasterà lo stato d’animo dell’interlocutore soffocandone la possibilità di confronto con il proprio giudizio. Personalmente ritengo che lo sviluppo dell’empatia sia il primo grande tassello su cui lavorare tutte insieme: sviluppare empatia tra donne è il miglior modo per ristabilire l’alleanza, perché non implica un coinvolgimento emotivo, ma la consapevolezza che siamo tutte degne dello stesso rispetto.

L’empatia non è qualcosa che si ottiene alla nascita oppure se ne è sprovvisti. L’empatia è un talento che si esercita col tempo. Molte donne con cui lavoro hanno bisogno di gestire diversamente l’emotività (in famiglia o sul posto di lavoro), imparando a trasformarla (in empatia) con creatività. Spesso nei percorsi personalizzati procediamo a step, trovando nelle dinamiche familiari, o lavorative, alcuni nodi importanti in grado di sbloccare la situazione. Ristabilire l’alleanza tra donne aiuta tutte (e tutti) nell’accogliere l’universo femminile in tutte le sue sfaccettature.

Per lavorare sull’empatia e l’alleanza tra donne concorda una CONSULENZA MESTRUALE sia di persona a Torino, sia a distanza tramite video-chiamata. Usa il MODULO CONTATTI del sito!

Alla prossima settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...